lunedì 20 novembre 2017

TERMOCOPERTE: guida completa all'acquisto. Sono davvero sicure? Alternative.

In inverno, niente è più piacevole di trovare il letto caldo. Una termocoperta o uno scaldaletto possono aiutarci, e sicuramente rientrano fra i regali di Natale più gettonati. Quale scegliere? sono davvero utili? E soprattutto sono sicure?


Ecco tutto quello che c’è da sapere, per scegliere il prodotto più adatto a te.

1. Sono davvero sicure per tutti?

Entrare in un letto caldo sicuramente è molto piacevole, soprattutto per chi soffre di patologie muscolo-scheletriche, fibromialgia, difficoltà ad addormentarsi. Il caldo rilassa i muscoli e concilia il sonno, esistono però alcune controindicazioni:

- gravidanza
La scienza medica non ha una risposta univoca circa l’uso di biancheria da letto riscaldante durante la gravidanza. Secondo alcuni non ci sarebbero problemi, per altri è assolutamente da evitare. Alcuni esperti sono stati riluttanti a utilizzare le coperte elettriche per ottenere un certificato di buona salute per le donne incinte, perché il feto in via di sviluppo è particolarmente sensibile alle varie condizioni ambientali. Inoltre, il surriscaldamento durante la gravidanza è rischioso. In assenza di una prova conclusiva su campi elettromagnetici e per evitare possibili surriscaldamenti del feto, è meglio evitare il problema e rinunciare ad utilizzare scaldaletto nei nove mesi di gravidanza.
La soluzione che ci sentiamo di consigliare consiste nello scaldare il letto prima di andare a dormire e spegnere il dispositivo una volta sotto le coperte.

- problemi di capillari deboli

- portatori di pacemaker
Non ci sono studi che provino l’interazione malevola tra scaldaletto elettrici e pacemaker. Diverse associazioni e medici sostengono che le coperte elettriche non abbiano interazione negativa con il pacemaker (vedi L’American Heart Association), tuttavia molti produttori ne sconsigliano l’uso. Si raccomanda quindi che i portatori di pacemaker non utilizzino l’apparecchio per tutta la notte: può essere utilizzato per preriscaldare il letto, ma deve essere spento e disconnesso dall'alimentazione elettrica prima di coricarsi.

- persone diabetiche
Alcuni produttori sconsigliano l’uso a persone affette da diabete perché potrebbero non avere sensibilità negli arti per accorgersi di un eccessivo surriscaldamento della coperta elettrica o del copri materasso riscaldante, sebbene esistano in commercio coperte con sensori, questi potrebbero danneggiarsi ed accorgersene tardi.

- allergia
Soprattutto gli scaldaletto tendono a sporcarsi facilmente, oltre a fare da recettori di sudore, pelle, quindi, non potendoli lavare ogni settimana, diventano una fonte allergenica non trascurabile.

- troppi campi magnetici
Un altro problema emerge dal pericolo di passare molte ore al giorno a diretto contatto con oggetti che producono un campo elettromagnetiche. Il fatto che i campi elettromagnetici (EMF), prodotti da linee elettriche ed elettrodomestici come coperte elettriche possono aumentare il rischio di alcuni tumori o aborti negli esseri umani, è stato oggetto di studio intensivo per più di 30 anni.

Lettura consigliata: DOCUMENTO SUI DANNI DEL CELLULARE RESO PUBBLICO: LE RADIAZIONI DEI CELLULARI DEFORMANO IL CERVELLO DI BAMBINI E ADULTI

Specialmente la notte, quando la melatonina, sostanza che permette in funzionamento del sistema immunitario umano, raggiunge le quantità maggiori è bene avere bassi campi elettromagnetici nella stanza; questi, infatti, inibiscono la produzione di melatonina e così indeboliscono il nostro sistema immunitario.
Non ci sarebbe alcun rischio per la nostra salute nel caso la accendessimo per riscaldare il letto e poi, una volta coricati, si staccasse la spina. Il pericolo sta nel mantenerla accesa la notte, durante la quale il nostro corpo ha un contatto pressoché continuo con per 7-8 ore consecutive ogni giorno.

Lettura consigliata: 11 CAMBIAMENTI PER RENDERE LA VOSTRA CAMERA DA LETTO SANA E NON TOSSICA

In ogni caso, le coperte elettriche prodotte dal 1990 generano campi elettromagnetici molto più deboli rispetto a quelli più vecchi. Sostituisci una coperta elettrica che ha più di 10 anni con una nuova certificata da un laboratorio di test indipendente

- cancro utero, seno, testicoli
L'esposizione cronica ai campi elettromagnetici a 60 Hz è stata ipotizzata per aumentare il rischio di cancro al seno sopprimendo il normale aumento notturno della melatonina pineale. Vari sono gli studi in merito, in quello pubblicato nel 1991  gli autori hanno studiato l'uso di coperte elettriche come fattore di rischio per il cancro al seno in uno studio caso-controllo sulle donne in postmenopausa di età compresa tra 41 e 85 anni. Nello studio  pubblicato dalla rivista European Journal of Cancer Prevention, il tumore preso in considerazione è all'utero, secondo cui, il pericolo aumenterebbe del 15% rispetto a chi non hai usato una termocoperta. Tra le donne che vi hanno fatto invece regolarmente ricorso, per un periodo di almeno 20 anni, il rischio sale addirittura al 36%. Il rischio di cancro legato alle termocoperte non è solo legato alla donna ma anche ai testicoli dell'uomo. Le motivazioni, in tutti i casi citati, andrebbero ricercate nel fatto che le coperte elettriche esporrebbero la persona a un basso, ma continuo livello di onde elettromagnetiche.
Quindi, ciò che può essere suggerito è di proteggersi, almeno, spegnendo sempre l'interruttore prima di entrare a letto, e staccando la spina, sebbene molte coperte vengono sponsorizzate epr poter rimanere accese anche durante la notte.
- Incidenti
Oggi giorno molte coperte elettriche o scaldasonno possono rimanere accesi anche una volta distesi a letto. Solitamente sono fornite di un’interfaccia per il controllo del calore della coperta gestibile direttamente dall’utente.
Le più recenti sono dotate di un sistema di sicurezza che garantisce in caso di sovraccarico elettrico o cortocircuito l’isolamento della coperta dalla linea elettrica, per prevenire incendi o rischi di scossa elettrica o disagi per l’utilizzatore. Questo tutto in teoria, nella pratica le serpentine possono rompersi con l'usura, i lavaggi, animali domestici (cani e gatti), difetti di produzione, scarso materiale impiegato, la scelta di un prodotto scadente per rientrare nei costi...
Gli incidenti causati dalle coperte elettriche derivino da un uso improprio della stessa e i possibili rischi si corrono quando:

1) la coperta non è certificata, non è testata regolarmente e non possiede i requisiti di sicurezza imposti dalla legge e previsti dalla regolamentazione europea;
2) il prodotto è ormai vecchio, o mal conservato, con cavi rotti o sfilacciati che possono causare cortocircuiti;
3) si sovrappongono molte coperte su quella elettrica in funzione e si crea un eccessivo accumulo di calore;
4) la coperta elettrica è bagnata;
5) la coperta ha oltre dieci anni di vita

Per questo motivo

Chi NON dovrebbe usare coperte elettriche o scaldaletto coprimaterasso?


Proprio come con qualsiasi apparecchio elettrico, le cose a volte potrebbero non andare per il verso giusto. Ad esempio, un controllo potrebbe non funzionare correttamente, la coperta elettrica potrebbe rimanere appallottolata e causare una condizione di surriscaldamento o un filo di riscaldamento potrebbe rompersi. E’ per questi ed altri motivi che sarebbe irresponsabile lasciare bambini piccoli da soli. Così come sarebbe irresponsabile lasciare utilizzare uno scaldaletto a chi è paralizzato, insensibile al calore o incapace di comprenderne il funzionamento. Alcune persone anziane con una o più di queste condizioni a volte insistono per avere la loro coperta elettrica: fate attenzione e considerate tutti gli aspetti che potrebbero rivelarsi pericolosi.

Capire perché si ha bisogno del letto caldo
Il tepore, il caldo, per molte costituzioni, o per chi affetto da alcune patologie che portano cattiva circolazione, irrigidimento muscolare è davvero piacevole, però talvolta se ne fa un uso improprio, dettato solo dal piacere o senza capirne il vero motivo evitando così soluzioni per risolvere il problema all'origine.

Esistono tante  soluzioni per entrare in un letto confortevole senza entrare in contatto con apparecchi elettrici, tutto sommato non così sicuri, e funzionanti nel lungo periodo.

1. Lenzuola di flanella
Donano davvero un piacevole ingresso a letto e se di puro cotone, sano.
Mantengono il giusto tepore corporeo senza surriscaldare, senza causare danni ai capillari, sovraccarico elettromagnetico... Inoltre decisamente più igeniche, visto che si possono lavare tutte le settimane. Gli scaldaletto possono aumentare fenomeni di allergia. Dove acquistare le lenzuola di flanella.

Lettura correlata: TESSUTI NATURALI O SINTETICI? DIFETTI E PROPRIETA'

2. Piumoni d'oca
I paesi nordici dovrebbero insegnare qualcosa. Loro non usano scaldasonno elettrici ma ottimi piumoni d'oca, leggeri, caldi che mantengono la temperatura corporeo in modo sano. Se si vuol fare un'investimento è certamente il modo migliore per il lungo periodo. Ora sono anche anallergici.  Soprattutto per persone anziane, bambini, persone con patologie muscolo-scheletriche la loro leggerezza e calore sono la formula migliore se si abbinano con le lenzuola di flanella o pelle di pecora. Dove acquistare il piumone d'oca.

Lettura correlata: COME LAVARE I PIUMONI D'OCA IN CASA. 3 consigli da seguire

3. Pelle di pecora



Non parliamo di quelle sintetiche ma di vere pelli di pecora facilmente reperibili nel nord Italia (Trentino in particolare), ma anche in rete. La lana respira, espelle l'umidità e permette all'aria di circolare mantenendo i piedi asciutti. La pelle di pecora è naturalmente termostatica e perciò mantiene i tuoi piedi nudi a una temperatura vicina a quella naturale del tuo corpo, indipendentemente dalla temperatura esterna.
Manto corto e compatto sono indicate per un uso a letto. Alleviano i dolori reumatici o le piaghe da decubito, oltre a rendere l'ingresso caldo e confortevole.
Grazie a una particolare tecnica di conciatura (medica) le pelli sono resistenti, sterili, semplici da curare e possono tranquillamente essere lavate a mano o con l’apposito programma per la lana in lavatrice a 30°, poi, asciugate all’ombra!





Baby pelle di agnello forma naturale rasato medicinale conciato 100% pelliccia agnello Merino pelliccia naturale qualità Premium lavabile 70cm




3. Un buon materasso
La scelta di un buon materasso, traspirante fresco d'estate e caldo d'inverno è essenziale.

4. Un buon pigiama
Per i più freddolosi la scelta di un buon pigiama traspirante e caldo.

5. Borsa dell'acqua calda per le emergenze
Sempre che non diventi abitudine, la borsa dell'acqua calda può essere una soluzione, sempre che non si tenga addosso e non sia bollente, altrimenti nel tempo si avranno danni alla circolazione e come visto per le donne (maggior tendenza ad usarla sulla pancia) all'utero.

6. Una bevanda calda
Prepararsi da portare sul comodino una bevanda calda, questa scalda il corpo e concilia il sonno, portando rilassamento.

Lettura correlata: 

Termocoperta o scaldaletto?


Sostanzialmente la scelta fra copri materasso elettrico o termocoperta elettrica è in gran parte una questione di preferenze, esistono comunque importanti differenze che possono facilitare la tua scelta.

Si tratta di due prodotti distinti e ben diversi nei loro vantaggi e svantaggi. La cosa fondamentale è acquistare un prodotto di qualità e possibilmente italiano.
Questo più che un consiglio tecnico è un suggerimento personale, data la scarsa qualità dei materiali oggi in circolazione, soprattutto per tutto ciò che viene prodotto e commercializzato dall'oriente.

Termocoperta
Si tratta di una vera coperta dotata di serpentine,  da stendere sopra le lenzuola, va infatti a limitare molto la scelta delle coperte da mettere sopra, i piumoni sono da evitare. In caso di letto matrimoniale è sempre bene avere due commutatori, altrimenti verrà imposta la temperatura a tutte e due i partner. Stendendosi su tutto il letto, dona tepore su tutta la superficie. Favorisce l’eliminazione della sgradevole sensazione di umidità e freddo e fornisce un senso di relax e di tranquillità che permette di addormentarsi subito creando una temperatura gradevole che aiuta il rilassamento dei muscoli.
La coperta elettrica può essere utilizzata per qualsiasi letto anche se noi ne sconsigliamo l’uso per disabili, bambini e persone anziane che potrebbero dimenticarla accesa. Può risultare pesante, soprattutto a confronto del caldo leggero offerto dai piumoni.

Scaldasonno
Sicuramente più conosciuto e venduto è lo scaldasonno. Si stende tra il coprimaterasso e il lenzuolo di sotto, lascia libertà nel rivestire il letto con le coperte che più piacciono. I rialzi delle serpentine possono dare molto fastidio, soprattutto se si soffre di patologie muscolari, articolari, fibromialgia, dove la sensibilità è maggiore. Acquistarne uno in pura lana renderà maggiormente piacevole il contatto con il prodotto. Chiaramente in caso di matrimoniale sarà fondamentale avere due commutatori, in modo che i due partner possano regolare in modo indipendente la temperatura desiderata.
Un ulteriore consiglio, talvolta troppo sottovalutato ma molto importante al fine di non avere dislivelli nel piano letto, è non andare risicati con le misure del prodotto da acquistare, la dimensione maxi (160x190 cm) infatti permette di non avere scalini nel letto, andando ad influire positivamente sulla qualità del riposo

Non utilizzare assolutamente in caso di materasso memory, espansi e lattice, l'unica alternativa è il materasso a molle. Cuoceresti il materiale che perderebbe in breve tempo le sue caratteristiche.

Termocoperta verso scaldasonno

Velocità di riscaldamento

Termocoperta: Basta accenderla 15 minuti prima e produrrà un caldo omogeneo in tutto il letto.
Scaldasonno: In genere serve accenderlo 15 minuti prima, anche se esistono  di nuova tecnologia a rapido riscaldamento, pronti in soli 5 minuti. 3 volte più veloci di uno scaldaletto tradizionale.

Attenzione: Sebbene sponsorizzino tempi brevi di accensione per entrambi i casi, è sempre meglio accenderle (sia termocoperta, sia scaldasonno) almeno 30-40 minuti primi, in questo modo si avrà la certezza di un letto caldo e quindi di spegnere l'interruttore, entrando a letto. Talvolta 15 o ancora peggio 5 minuti, intiepidiscono solo, quindi si tende ad avere la voglia o il bisogno di mantenere acceso lo scaldino ancora per un poco... aumentando così il rischio di dimenticarselo.

Capacità di mantenere il calore

Termocoperta: La termocoperta sicuramente distribuisce in modo più omogeneo il calore, ma ha anche moltissima dispersione: il caldo tende verso l'alto, quindi verso l'esterno e dopo un primo momento piacevole, se la persona ha problemi di trattenere e produrre caldo da sola, si raffredderà sentendo solo il peso della termocoperta. È importante scegliere per questo, termocoperte con maggior percentuale di lana possibile e meno acrilico.

Scaldasonno: Bisogna fare attenzione alle misure, spesso si rischia che risulti troppo corto e la parte infondo del letto, dove arrivano i piedi, sarà fredda. Portando attenzione a questo punto, una volta scaldato, il calore generato dallo scaldaletto resterà tutto addosso, perché viene irradiato tra il materasso e le lenzuola.

Durata nel tempo

Termocoperta: La loro durata media è maggiore, poichè anche se nel riporle, le serpentine si piegano, durante tutto il tempo di utilizzo le resistenze non sono soggette al peso della persona, come accade invece con gli scaldasonno.

Scaldasonno: Soggetto al peso costante del corpo ed al girarsi durante la notte, sebbene venga steso, ne consegue una notevole usura delle serpentine, che  possono aggrovigliarsi, soprattutto nella parte dei piedi. Devono inoltre essere lavati per un numero di volte maggiore.

Quale marca scegliere?


Per la scelta della marca è personale, l'importante è che vi accertiate dei marchi, certificati di sicurezza IMQ, possibilmente optate per prodotti italiani di lana.

Scaldaletto made in Italy, scelti per voi

Scaldaletto Morpheo Ardes Medicura Singolo e Matrimoniale

È italiano e fatto in Italia, caratteristiche sufficienti a farlo diventare uno dei più venduti su amazon.it. Disponibile sia in versione singola che matrimoniale, è in pura lana 100%, lavabile in lavatrice con cavi estraibili. La versione matrimoniale ha il doppio comando per temperature distinte in ogni zona del letto.


Imetec 16036 Scaldasonno Sensitive, 100 % Lana e Merino

Comfort tutta la notte: si adatta ai cambi di temperatura mentre dormi grazie alla nuova tecnologia SENSITIVE: si adatta automaticamente ai cambiamenti di temperatura. "Made in Italy": modello singolo, in pregiato tessuto italiano 100% lana e merino. Dispone di comando digitale a 6 temperature, con timer autospegnimento. Tecnologia a rapido riscaldamento, pronto in soli 5 minuti. 3 volte più veloce di uno scaldaletto tradizionale


Scaldaletto Softly Imetec 50% Lana Singolo e Matrimoniale



Scaldaletto di marca IMETEC, Made in Italy, in misto lana. Molto morbido e dall’ottimo rapporto qualità prezzo è disponibile in due misura, sia singolo che matrimoniale. E’ tra gli scaldaletto più acquistati nei negozi online e quello che ottiene le migliori recensioni degli utenti.



La Imetec offre una vasta gamma di scaldaletto con numerosi accessori per la sicurezza.

Ardes Scaldaletto Buonanotte con Comando a Distanza

Il coprimaterasso termico Buonanotte della Ardes è dotato di un praticissimo timer per lo spegnimento automatico, che ti permette di tenerlo acceso solo per il tempo necessario all’utilizzo che devi farne. Questo aspetto, oltre a garantire la tua sicurezza, ti permette di risparmiare sulla bolletta. Lo scaldaletto è infine dotato di un sistema di autospegnimento dopo sei ore di utilizzo massimo, lasciandoti riposare tranquilla.

Anche il radiocomando a distanza è dotato di una doppia funzione, attiva e stand-by, per il risparmio delle batterie.

Gli scaldasonno sono facilmente reperibili ovunque, più difficile il discorso delle termocoperte. Una valida scelta di termocoperte e scaldasonno la trovate con la
Lancalor 

IMPRESA ITALIANA dei primi anni del '900 come copertificio, nel 1955 e in anticipo sui tempi, realizzarono un prodotto che portava
una nuova forma di benessere alle famiglie italiane: la coperta elettrica.





Alcune fonti
https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/1862801
https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/8452131
https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/2321619
https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/9753010


Nessun commento :

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...