martedì 12 settembre 2017

TEMPI DI COTTURA CON PENTOLA A PRESSIONE : VERDURE, CEREALI, LEGUMI FRESCHI E SECCHI. STAMPABILE.



La pentola a pressione è uno strumento ancora tutto da scoprire, da conoscere e da valorizzare, sia dal punto di vista delle tecniche e dei consigli nutrizionali, sia per la praticità d’uso. Il risparmio di tempo e, di conseguenza, di energia è il primo grande vantaggio da sempre riconosciuto alla cottura in pentola a pressione, rispetto alle cotture tradizionali.

In realtà la pentola a pressione offre molto di più. Grazie al breve tempo di cottura e alla scarsa presenza di ossigeno, sia le vitamine sia le proteine presenti negli alimenti crudi si mantengono quasi inalterate. Nella cottura in pentola a pressione l’aria resta infatti a contatto con l’alimento solo per un breve periodo iniziale ed a temperature inferiori ai 100 °C, dato che, spinta dal vapore in formazione, fuoriesce prima che abbia inizio la cottura a temperatura elevata. Anche i sali minerali, che normalmente si disperdono nel liquido di cottura, hanno tutto da guadagnare con questa tecnica che richiede poca acqua.

Un metodo di cottura che spazia da quello dietetico, a vapore, sino alla preparazione di stufati. Alcuni accessori della pentola diventano inoltre utilissimi come:
  • con il “Cuocivapore” si preparano verdure di ogni tipo, carni e pesci;
  • il “Cestello” è raccomandato per verdure in foglia o intere;
  • la “Griglia” si utilizza per la cottura di carni e pesci in trancio;
  • lo “Scodello” invece consente di preparare primi piatti, sformati, frittate,
  • salse e dolci di ogni genere.
Si può affermare quindi che con la pentola a pressione la cottura domestica diventa più razionale: gli alimenti conservano un gusto più intenso, mantenendo gli aromi che li rendono più appetitosi e digeribili.

Paura che esploda la pentola a pressione?

Certamente stiamo lavorando con un utensile che va sotto pressione, ma bastano alcune attenzioni, semplici manutenzioni e diventerà una pentola come altre. In fondo potete leggere le precauzioni principali per un corretto uso della pentola

Ogni pentola a pressione ha il suo meccanismo, leggetelo bene prima di usarla, in linea generale dopo aver inserito il cibo, l'acqua e gli ingredienti necessari chiudere ermeticamente, facendo ben conciliare i punti di chiusura. La valvola deve stare abbassata. Mettere sul fuoco a fiamma alta, appena inizia a fischiare vedrete la valvola alzarsi. Da quel momento parte l'orologio per i tempi di cottura e il fuoco va messo al minimo. In alcune preparazioni bisogna aggiungere poi ulteriori ingredienti, in quel caso scaricare la pressione, alzando la valvola (MAI APRIRE LA PENTOLA QUANDO LA PRESSIONE NON è STATA SCARICATA DEL TUTTO dalla valvola) aggiungere gli ingredienti, richiudere e continuare con la seconda fase di cottura.

Precauzioni principali. Infondo all'articolo ci sono tutte le avvertenze da leggere, soprattutto se non l'avete mai usata.

  •     MAI APRIRE LA PENTOLA QUANDO LA PRESSIONE NON è STATA SCARICATA DEL TUTTO
  •     NON METTERE TROPPA ACQUA (seguire all'inizio i consigli di cottura, poi è l'esperienza)
  •     NON TENERE OLTRE I TEMPI DI COTTURA, ANCHE UN MINUTO PUÒ ESSERE TROPPO. Se poi risultasse indietro, basta richiudere e riaccendere il fuoco.
  •     MESSA SUI FORNELLI CON FUOCO ALTO, APPENA INIZIA A FISCHIARE (momento in cui partono i tempi di cottura), METTERE AL MINIMO.

Tempi cottura pentola pressione di legumi e verdure fresche, in minuti
 (stampabile a fondo articolo)La cottura delle verdure è quantomai soggettiva, cercare di cuocere al minimo ed eventualmente prolungare.

Quanta acqua mettere?
Per i fagioli freschi basta tanta acqua quanta ne serve per coprirli.
Per le patate 1 bicchiere. Per tutte le altre verdure 1/2 bicchiere, o 2-3 cucchiai.



asparagi molto sottili
2
asparagi grossi
4-5
bietole giovani
4
bietole grosse
5
carciofi non troppo grossi a spicchi
3
carciofi non molto grossi interi
4-5
carote intere (medie)
7
carote a fette
2
cavolfiore (800 gr) intero
13
cavolfiore cime
3-4
cipolle (medie 100-120 gr)
8-10
cipolline
5-7
fagioli freschi
15
fagiolini verdi molto sottili
3
fagiolini verdi grossi
5
finocchio a 4 spicchi
5
finocchi interi (150 gr)
18
patate a pezzi (come uova)
4
patate intere grosse (250) **
20
patate intere medie(150-170)
10-12
patatine novelle
3
piselli 2-5 (a gusto ben cotti 20 minuti)
15-20
rape intere non pelate
10
sedano a coste
6
spinaci
4
zucchine a fette
1
zucchine intere sottili
4
zucchine intere grosse
5-7


**Sconsigliabile cuocere le patate grandi (250gr) intere, si rischia di non cuocere bene l'interno.

Tempi di cottura dei legumi secchi in minuti
(stampabile a fondo articolo)

Prima della cottura tutti i legumi , tranne se sono di nuova raccolta, vanno tenuti a bagno in acqua fredda salata. Poi si lavano.

Quanta acqua mettere?

L'acqua di cottura deve essere quanta ne occorre per ricoprirli, superandoli di 1 cm circa.

Il tempo di cottura non si può indicare con grande precisione, è comunque inferiore per i legumi secchi di nuova raccolta e varia anche col variare delle quantità. Aprite la pentola allo scadere del tempo minimo indicato e controllare. Se cuocete troppo rischierete di trovare bucce vuote.

Per aprire la pentola è prudente trasferirla nel lavandino, far sfiatare la valvola di sicurezza e poi procedere all'apertura.


Azuki
20
Ceci
20-30
Fagioli borlotti
30
Fagioli cannellini *
20-30
Fagioli neri/rossi
30
Fave
30-40
Lenticchie
15-20
Piselli interi
20-25
Piselli spezzati
15
Soia
1h/+1/2



*Per i cannellini 20 minuti possono essere troppo. Se messi in ammollo 5 minuti sono sufficienti. Piuttosto controllare e poi continuare la cottura per altri minuti.


Tempi di cottura dei cereali, in minuti
(stampabile a fondo articolo)

Tutti i cereali vanno precedentemente lavati, in particolare i risi (bianco ed integrale).

Quanta acqua mettere?
La quantità di acqua sarà maggiore rispetto alle altre cotture, in linea generale serve almeno il doppio del volume dei cereali (non del peso). Su 300 gr di cereali circa 3-4 bicchieri di acqua.



Amaranto
20
Avena decorticata
25
Bulgur
9
Couscous
20
Farro
30
Grano saraceno
8
Kamut
30
Migliio
12
Orzo
17
Quinoa
5
Riso
6
Riso semi integrale
12
Riso integrale
25
Segale
18


Precauzioni importanti per l'utilizzo della pentola a pressione

Per la vostra sicurezza, questo apparecchio è conforme alle esigenze essenziali di sicurezza della Direttiva n°97/23/CE delle attrezzature a pressione. È importante che leggiate queste raccomandazioni:
Come per ogni apparecchio di cottura, assicurate una stretta sorveglianza se utilizzatela pentola a pressione nelle vicinanze di bambini.
Non mettete la pentola a pressione in un forno riscaldato.
Quando la pentola è in pressione spostatela con un minimo di cautela.
Non toccatele superfici calde.
Non utilizzate mai il manico del coperchio per trasportare la pentola a pressione.
Non utilizzate la pentola a pressione per uno scopo diverso da quello a cui è destinata.
Verificate prima di ogni utilizzo che le valvole e l’apertura di sfiato del vapore non siano ostruiti (vedere capitolo Manutenzione e pulizia).
Assicuratevi che la pentola a pressione sia chiusa correttamente prima di metterla in funzione (vedere capitolo Apertura-Chiusura nelle singole istruzioni ).
Non aprite mai la pentola a pressione forzandola.
Non utilizzate mai la pentola a pressione senza liquidi perché la rovinereste gravemente.

Utilizzate solo fonti di calore compatibili.

Non riempite la pentola a pressione oltre i 2/3 della sua capacità. Per gli alimenti che si dilatano durante la cottura, come il riso, le verdure disidratate o le composte... non riempite la pentola a pressione oltre la metà della sua capacità.
Non utilizzate del sale grosso nella vostra pentola a pressione, aggiungete a fine
cottura del sale fine.
Per le carni che possiedono una pelle superficiale che rischia di gonfiarsi sotto l’effetto della pressione, bucate la carne prima della cottura. A fine cottura, se la pelle della carne presenta un aspetto rigonfio, aspettate prima di tirarla fuori dalla pentola a pressione.
In caso di alimenti densi (piselli secchi, rabarbaro...), la pentola a pressione deve essere leggermente scossa prima dell’apertura per evitare che questi alimenti fuori escano.
Non utilizzate la pentola a pressione per conservare degli alimenti acidi o salati prima e dopo la cottura.
Non cucinate ricette a base di latte nella vostra pentola a pressione.
I vapori d’alcool sono infiammabili.
Sorvegliate l’apparecchio quando lo usate per le ricette a base di alcool.
Non utilizzate la pentola a pressione per friggere sotto pressione con dell’olio.
Assicuratevi che la valvola sia in posizione di decompressione prima di aprire la pentola a pressione.
Cambiate la guarnizione della pentola ogni cinque anni.

Fonti di calore compatibili
Le sorgenti delle fonti di calore che possono essere utilizzate sono indicate sul prodotto e sull’imballaggio.
La pentola a pressione si utilizza su tutte le fonti di calore compresa l’induzione*
Su piastra elettrica e induzione, impiegate una piastra di diametro pari o inferiore a quello del fondo della pentola a pressione.
Su piastra in vetroceramica, assicuratevi che il fondo della pentola sia perfettamente pulito.
Su gas, la fiamma non deve oltrepassare il diametro della pentola.
Su tutte le sorgenti di calore, badare che la pentola a pressione sia ben centrata.
Non fate scaldare la pentola quando è vuota, perché rischiereste di danneggiare
l’utensile.

Nessun commento :

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...