giovedì 15 giugno 2017

QUANTO SUPPORTA IL TUO BALCONE O TERRAZZO: posso fare un'orto o piscina?


Avere un piccolo balcone o una terrazza può rappresentare davvero una superficie preziosa, soprattutto per chi abita in città. Può trasformarsi, con piccoli tocchi di creatività, in una vera oasi di relax dopo giornate frenetiche, durante il fine settimana.

Un tocco di verde, un barbercue da balcone davvero mignon, qualche cuscino, tavolino a muro... ma talvolta lo spazio permette di allargare e spaziare con la fantasia e così i due vasetti di piante aromatiche possono trasformarsi in vere ortiere, e perchè no... per chi ha un grande terrazzo il sogno della piscina.

Ma il tuo terrazzo quanto peso può supportare?

Talvolta non ci si pensa e si viene presi dall'estro Calm & Green, ritrovandosi poi delle tristi sorprese. Se state valutando di allestire una piscina in terrazzo, un tetto verde o un orto, meglio ridurre al minimo il carico e rivolgersi a un ingegnere strutturale per una perizia. Un terrazzo o un balcone sovraccaricato, difficilmente collassano, ma manifestano dei sintomi chiari della loro fatica, sotto forma di micro fessurazioni delle pavimentazioni, rottura dei correnti di bordo, distacco di battiscopa o zoccolature perimetrali ecc. Valutare quindi:

- Portata della struttura
- Portata del carico che volete inserire

Portata della struttura

Prima di coltivare un orto in balcone, di impiantare un tetto verde o scegliere di installare una pesantissima piscina, sarà necessario valutare la portata della struttura.


Partiamo dalla distinzione in termini:

- Terrazza: coperture piane e praticabili che, di fatto, sostituiscono il tetto di una casa. Con il termine terrazze spesso si indicano anche balconi di grandi dimensioni.

- Terrazzo: termine regionale, usato per indicare il ripiano con parapetto aggettante dal muro perimetrale

- Balcone: ripiano aggettante con parapetto a cui si accede tramite una finestra aperta fino al pavimento.

La portata di entrambi dipende dalla struttura edilizia e per una valutazione concreta bisognerebbe analizzare ogni caso specifico, a grandi linea possiamo dire che:

Nei balconi, in genere, il sovraccarico minimo tollerato è di almeno 200 chilogrammi al metro quadrato e, in molti casi, si arriva a 400 kg al metro quadrato. Questo se si parla di strutture nuove, per le strutture vecchie bisogno obbligatoriamente avere un minimo di consulto tecnico prima di avventurarsi con piscine o grandi orti. Purtroppo esistono poggioli e terrazzi armati così male che è un miracolo che stiano su da soli.

Il calcolo di supporto del balcone risulta facile in effetti, basta moltiplicare la superficie per 400 Kg, ma per interventi così importanti non conta solo il carico complessivo che la struttura può reggere, ma quello puntuale.

Portiamo un esempio:
Se il terrazzo ha un carico di 400 kg/mq e, supponiamo, una superficie di 20 mq, e vi appoggio al centro una statua di acciaio con una superficie di 1mq con peso di 1 tonnellata, il terrazzo è a rischio, non regge.
Il peso quindi va distribuito. Teniamo presente che il punto centrale è sempre il punto più debole. Anche i semplici vasi di grandi dimensioni vanno ubicati ai lati creando un equilibrio.

Variabili da considerare:

- Età dell'edificio/materiale usato: non solo è importante per valutarne la stabilità, soprattutto per capire i materiali usati. Nel lasso di tempo fra 1930 e 1980 si usavano tendenzialmente cementi molto acidi ed il tipo di armatura non aveva le stesse caratteristiche del cemento armato odierno (dopo anni '90)

-Manutenzione: La terrazza costruita con il cemento armato più resistenze perderà ugualmente la sua capacità di carico se non vengono effettuate le giuste manutenzioni.

- Posizione geografica: i terrazzi delle Regioni del nord hanno una possibilità di carico maggiore, in previsione del carico neve

Per una consultazione più precisa: il D.M.LL.PP. del 16/01/1996
Norme tecniche relative ai Criteri generali per la verifica di sicurezza delle costruzioni e dei carichi e sovraccarichi.



Si conviene che per prima di rendere il nostro balcone l'oasi relax Calm & Green, occorre metterlo in sicurezza ed agire in sicurezza. Valutate attentamente e non risparmiatevi di avere qualche consulto. Soprattutto non esagerate e non sottovalutate il problema, pensando che l'amico l'ha fatto. Ogni struttura è a se. Agite con buon senso.

Ancor prima di valutare la portata di balconi e terrazzi sarà necessario puntare a strategie atte a diminuire al minimo il peso che dovrà ospitare questa struttura.

Portata di cosa mettere sul terrazzo

Se per calcolare in sicurezza la portata del terrazzo serve un tecnico, ciò che potete fare in autonomia, è il calcolo del peso che vorreste portare sul balcone.

Per conoscere il peso di un contenitore
Bisogna prima di tutto calcolare il suo volume, una volta conosciuto il volume bisogna moltiplicare questo per il peso specifico della sostanza contenuta, oppure moltiplicato per il valore del materiale espresso in KN/m³
Oltre al peso della tara, quindi del contenitore dovete osservare bene il materiale inserito... quindi se torba asciutta, umida, aggiungere la variante inaffiatura, per il periodo invernale possibile neve..

QUI una lista del peso dei vari materiali, espressa in KN/m³, il cui valore è semplicemente da moltiplicare per i m³ necessari.




Altri esempi:
Un vaso di terracotta alto 50 cm e dal diametro di 40 cm pesa ca. 8 Kg + terra, acqua e pianta.
Una ortiera (mt. 1x1x0.8) costruito in legno di pino dello spessore di 2 centimetri, riempito di terra umida arriva a pesare 480 kg circa.
L'acqua di irrigazione o piovana, quando satura il terreno, causa un aggravio di 100 kg per metro cubo (→ 1 KN m³).
Il peso della neve è pari a circa 100 kg al metro cubo, ma se parliamo di neve bagnata si va a 600 kg a m³.

Cercare quindi la soluzione più leggera da poter distribuire negli angoli interni vicino al muro.

Piscina in terrazzo, quanto pesa

L'ipotesi di ospitare una piscina in terrazza è ancora più azzardata e bisogna dei dovuti accertamenti. Una piscina di circa 4mtx1,2mt arriva a contenere oltre 13.000 litri
Poniamo l'esempio di una piscina tonda:

Diametro 3.05 mt
profondità 0.76 mt
Capacità 5 m3

5m³x 10,0 KN7m³ ( peso unitario dell'acqua in KN/m³) sono 50 KN → 5000 kg inseriti su una superficie di 7 mq.

Al peso dell’acqua va aggiunto il peso della struttura e delle persone che ne vorrebbero godere. Le stesse valutazioni vanno fatte anche in caso di vasca idromassaggio su terrazza.


Conclusioni

Quindi diviene importante capire cosa il vostro balcone, terrazzo, terrazza può supportare e senza farsi prendere dalle mania di grandezza, adeguarsi.

Qualche idea di piscina gonfiabile
Qui potete trovare dove acquistare le ortiere

Catral seed dimensioni: 20.0 x 20.0 x 100.0 cm, a 9 scomparti, oppure Catral seed x 80 cm sempre in legno a 4 scomparti.





Nessun commento :

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...