martedì 23 maggio 2017

12 PASSI PER TRASFORMARE IL TUO BALCONE IN GIARDINO, LA TUA OASI RELAX



In America e regno Unito si sta sempre più diffondendo una nuova figura, il giardiniere da balcone, con sempre più soluzioni, strumenti, attrezzi, per convertire anche i più piccoli balconi di città in oasi di verde e pace.

Prendiamo quindi in prestito da Isabell Palmer, giardiniera da balcone, alcuni consigli interessanti. IL TUO GIARDINO, LA TUA OASI RELAX


1. Pensa al tuo balcone come estensione del tuo spazio interno.
Un balcone ha il maggior impatto come estensione dello spazio interno e è importante chiedersi come vuoi usare il tuo balcone in relazione al tuo spazio interno. Per i piccoli balconi, l'obiettivo è quello di estendersi all'aperto. Per i balconi più grandi, potrebbe significare un posto dove sedersi per godersi un po 'di tempo al sole con una tazza di caffè e un libro. Piccoli spazi richiedono di pensare in modo creativo ed efficiente ed è prudente avere un'idea chiara di quello che vuoi prima di iniziare.

2. Costruisci la tua fiducia partendo dal piccolo. 
     
Giardinaggio è una proposito a lungo termine ed un  balcone-giardino non è diverso. Non pregiudicare il risultato volendo tutto subito, partendo con troppe piante. È bene iniziare con piccole soluzioni che necessitano poca manutenzione, via via, quando ti senti pronta ad impegnarti di più tutto verrà naturalmente. Man mano che la tua conoscenza aumenta, aumenterai le piante, modificherai gli spazi, prenderai nota degli eventuali fallimenti, ed il tuo balcone si trasformerà via via nella tua oasi di pace.


Fonte: isabelle-palmer-balcony-gardener-jonathan-gooch-14-gardenista

Come si vede nella foto sopra di Isabell Palmer, la percezione del verde oltre ogni stanza crea una connessione di forte impatto con l'esterno, rendendo di conseguenza, il tuo spazio interno più grande. Interessante notare come il pavimento del balcone sia stato rivestito in legno per richiamare l'interno, oltre che per fornire al balcone un senso di calore, come proseguimento della stanza. Anche se si dispone solo di un piccolo balcone, vale sempre la pena inserire un tocco di verde poichè fornisce un punto focale oltre i confini delle tue pareti. Palmer ama continuare il suo schema di colore, che cambia ogni anno, dall'interno all'esterno.  

3. Controllare la portata del balcone.
È sempre saggio avere un'idea della portata del proprio balcone. Può sembrare sciocco, per due fiori che abbiamo intenzione di mettere... ma due diventano tre, i contenitori: da plastica (da evitare) diventano di coccio, per non parlare del peso della terra. Tutto, rapidamente, può uscire dal vostro controllo. Tenete presente che il punto più debole di qualsiasi balcone sarà in mezzo, quindi tenere i vasi pesanti vicino al perimetro.

4. I contenitori grandi sono il meglio.
Dopo aver accertato che il tuo balcone può sostenere carichi pesanti, è bene utilizzare i contenitori più grandi possibili per il tuo spazio.
I contenitori più ampi sono vantaggiosi per due motivi, uno contengono più terra, quindi la pianta crescerà più rigogliosa, secondo avere contenitori piccoli in piccoli spazi, rendono il tutto ancora più misero. Negli spazi piccoli è bene avere pochi oggetti ma di una certa importanza a livello di grandezza. Esteticamente, questo tipo di proporzione è migliore. Questi sono solo consigli, poiché tutto deve rispecchiare il vostro gusto, c'è chi ama avere attorno a se tanti piccoli oggetti, piante... e va bene così. Circondatevi di ciò che vi fa star bene.


5. Mantenere sempre una base di evergreen, sempreverdi.
Questo ti darà colore tutto l'anno, anche nei mesi invernali più profondi.
Se lo spazio lo permette, ed il vostro balcone è in mezz'ombra anche una pianta di agrifoglio in vaso potrebbe essere una soluzione davvero gioiosa.
L’agrifoglio (Ilex aquifolium L.) è una pianta rustica e sempreverde, davvero poco esigente e che non necessita di particolari cure. Resiste bene alle basse temperature e può essere coltivato senza problemi come pianta da giardino o balcone.Preferisce crescere al riparo dal sole e in terreni acidi, fecondi e drenati. Può essere coltivato in qualsiasi momento dell’anno e necessita di essere annaffiato, solo in mancanza di piogge, durante l’estate. La potatura non è indispensabile ma può essere effettuata quando la pianta è ancora giovane per conferirle il profilo desiderato. Altri evergreen da prendere in considerazione sono i buxus, l'eucalipto, il timo, ma ancora ortensie, pansies, viole e una spolverata di ossalidi (es.acetosella).
6. Non utilizzare più di tre colori, con il verde, ovviamente.


Palmer consiglia di utilizzare non più di tre colori per mantenere piacevole allo sguardo un piccolo spazio. Una conoscenza della teoria dei colori agevola la scelta, ottima soluzione, per chi ha paura a sperimentare, è giocare sui toni e sfumature di un solo colore. Per chi invece osa, diviene importante giocare sui colori complementari o contrastanti.

7. Tenere la stessa gamma di colori per I contenitori.
Per evitare che le vostre piante vengano messe in ombra dai vasi e contenitori, è bene tenerli in un unico intervallo di colore. IL color terracotta è l'ideale, se poi amate il fai da te potete anche dipingerli di bianco molto diluito, conferendo un tono di usato-elegante. Altro materiale che si sposa perfettamente con il cotto è la latta o ferro, e vimini scuro.

8. Utilizzare un rivestimento superiore nei contenitori.
Spesso i balconi non sono esposti direttamente al cielo, quindi è utile ricoprire il terriccio con ciottoli, i pezzi di ardesia, le cipolle di corteccia di legno o la grana agricola (per frutta e verdura), questo aggiungerà un tocco di finitura, creando un filo conduttore da un punto di vista estetico, oltre al fatto che impedirà al terreno superiore di asciugarsi troppo rapidamente.

9. Rendere bassa la vostra manutenzione del balcone- giardino .
Dopo aver installato e piantato il tuo giardino balcone, ogni volta che puoi risparmiare sulla manutenzione, significa più tempo per rilassarsi e rilassarti.

10. Esposizione del vostro terrazzo

Diviene importante per vari fattori, in primis per la scelta dei fiori e piante, secondo degli arredi. Se il vostro giardino è esposto a sud, per godervelo in pieno giorno, avrete anche bisogno di qualche riparo dal sole, quindi ulteriore ingombra da calcolare.

Terrazza con esposizione Est:

Ideali i fiori chiari come ortensie, gardenie, felce, Filodendro hydrangea macrophylla.

Terrazza con esposizione Sud:
Decisamente fatta per prendere il sole, quindi se il balcone è piccolo pensate a sdraio che si possono aprire e chiudere facilmente e piccolo tavolino con ombrello pieghevole. Ideale il pavimento in legno. Le piante succulente vanno benissimo insieme al gelsomino (come arrampicante) agave americana, verbena, lavanda e tutti i fiori annuali da pieno sole. Per le piante a muro con spalliera potete pensare ad un limone.

Terrazza con esposizione Ovest: Le piante consigliate sono : Agapanto, pelargonium (geranio) da collezione , Rose rampicanti e piante aromatiche: salvia , timo rosmarino.

Terrazza con esposizione Nord: 

Non demordete anche se il vostro terrazzo è esposto a nord.

Ecco una interessante scelta da fare: 10 FIORI E PIANTE DA COLTIVARE PER UN BALCONE ALL'OMBRA

Per arredare la tua oasi relax, ecco alcuni consigli:
IL TUO GIARDINO, LA TUA OASI RELAX


Non dimenticate in ogni caso gli aromi per cucinare! dal prezzemolo, basilico e perchè no... anche pomodori, melanzane, insalata. Come potete seguire in Lifeme.it l'orto sul balcone è fattibile!

orto


11. Pavimentazione
La scelta del pavimento dipende da molti fattori: economico, proprietà o affitto, quanto volete investire...non per ultimo da quanto il vostro balcone è esposto alle intemperie e come desiderate sfruttarlo.  Una soluzione semplice è rivestire con pavimentazione in legno componibile a blocchi, in modo da permettere lo scolo dell'acqua. Se il balcone è un piccolo antro a piano terra, potete anche pensare a tappeti per il camminamento, in modo da permettervi di camminare scalzi da dentro a fuori.

12. Arredi
Grandi e comode poltrone sono il sogno di tutti, ma prima dell'acquisto pensate all'inverno e dove riporre il tutto. Non sempre è ideale tenere gli arredi fuori, soprattutto il vimini si rovina facilmente sotto le intemperie di pioggia o neve.
Quindi prima di tutto pensate a come riporli. Meglio optare per qualcosa di leggero, facilmente trasportabile e possibilmente richiudi bile, in modo da poter modificare lo spazio alle esigenze e per quando arriva l'inverno, poter pulire e vestire il balcone per la stagione fredda. Se il balcone è davvero piccolo non dimenticate il soffitto e le pareti. Esistono tante soluzioni per far crescere le vostre piante al muro o in sospensione.

Per trasformarlo nella vostra oasi, bastano piccoli oggetti che vi richiama al relax, da un cuscino da terra, una piccola sdraio, un tavolino a muro, qualche luce appesa... cercate nella vostra fantasia e desiderio di calma, l'arredo si comporrà da solo.

Non serve investire molto, talvolta qualche riciclo e gioia nello stare.

bleunordique.canalblog.com

wohnideen.minimalisti.com

wohnideen.minimalisti.com





Nessun commento :

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...