sabato 13 maggio 2017

COME ELIMINARE LA CARTA DA PARATI IN MODO SEMPLICE E GREEN



Nel mondo dei rivestimenti murali decorativi, la carta da parati  sta vivendo un momento di revival, ed una rinnovata popolarità. Questo è dovuto alla migliorata tecnologia di stampa che ha reso possibile stampare un'ampia varietà di modelli nuovi e tradizionali in una straordinaria gamma di colori e texture.

La stampa digitale ha permesso di rendere più sostenibile l'intero processo di realizzazione di carta da parati, contribuendo inoltre a rendere più semplice la funzionalità di progettazione in casa rimuovendo l'odore chimico forte che una volta accompagnava tutti i rotoli freschi di carta da parati.

La carta da parati permette di rinnovare casa, rinfrescare le stanze di nuovi colori, personalizzando le stanze sia che si tratti di casa propria sia di casa in affitto.

Anche  con tutta questa nuova tecnologia, a meno che non si utilizzi un tipo di carta rimovibile, tutti coloro che amano carta da parati, alla fine, si dovranno confrontare con l'enorme compito di rimuoverla. Certo ci vuole tempo, olio di gomito e la giusta conoscenza.

Capire se la tua carta è removibile o tradizionale al vinile

Per verificare quale sia la tipologia, prova a sollevarne un lembo da un angolo e a tirarla con le mani: se si sfila in un pezzo unico e con facilità, è carta rimovibile, ciò significa che la sua rimozione è semplice e veloce. In questo caso è sufficiente strappare la carta dalle pareti. Se invece si stacca solo uno strato di carta mentre un secondo strato rimane incollato al muro, si tratta di carta da parati al vinile.



Come rimuovere la carta senza distruggere la vernice sottostante.


Passo 1. Preparazione e materiali
Per il processo di rimozione vi servono stracci, da posizionare per terra vicino al muro, un secchio di acqua calda, una pennellessa, spugne o spruzzino, eventualmente aceto bianco e per casi estremi getto di vapore. Coprite le prese elettriche con del nastro isolante, per impedire che vi entri dell'acqua durante il lavoro. Spostare i mobili adiacenti al muro (svuotarli per renderli più agevoli) verso il centro della stanza, lasciando un corridoio laterale di 1 metro che vi consenta di aprire la scala e muovervi tranquillamente.

Passo2. Spugnatura
Per iniziare il processo di rimozione bisogna bagnare abbondantemente la carta da parati. Scegliere quindi il metodo a voi più congeniale e poi attendere che la carta si impregni. Puoi fare dei piccoli fori sulla carta per permettere all'acqua di penetrare meglio, se la parete è di intonaco.

Passo3. Strappo

Iniziare a strappare la carta dal bordo, con un raschietto di plastica che non rovinerà le pareti. Iniziare sempre dal fondo e pulire immediatamente le gocce.
Se  dopo i primi strappi vedete che l'adesivo è particolarmente ostinato potete ricorrere all'uso dell'aceto bianco, che è un solvente per la colla. Versare quindi l'aceto nell'acqua calda.

Se la carta è vecchia e la colla ostinata..
Se questo primo passaggio non funziona, usa un getto di vapore sulla parete, usando per esempio il getto-vapore per vestiti. Fare una piccola area alla volta, allentando e poi raschiando la carta. Il vapore permetterà di rimuovere anche la carta più vecchia.

Fai un secondo passaggio con acqua e aceto per trattare i punti più ostili.

Qualunque sia il metodo scelto, ricordatevi di iniziare dal basso e pulire immediatamente tutte le fuoriuscite o goccioline, in modo che le pareti non si sporchino.

Quando la carta è stata rimossa, pulite la parete da ogni residuo con acqua e detergente, prima di procedere alla tinteggiatura o all'applicazione di una nuova carta da parati.





Nessun commento :

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...