mercoledì 16 novembre 2016

PITTURE NATURALI PER LA CASA FAI DA TE




Il primo passo per avere una casa veramente ecosostenibile, a parte le costruzioni edilizie basate sul principio della bioarchitettura, è usare prodotti che limitino al massimo l’impatto sull’ambiente. Come, ad esempio, la scelta del tipo di vernice da utilizzare per imbiancare casa.

Per sapere perchè scegliere vernici naturali per imbiancare casa leggi l'articolo:

IMBIANCARE CASA: PERCHÈ SCEGLIERE VERNICI NATURALI


Le vernici ecosostenibili per noi e l'ambiente si possono comprare tranquillamente già pronte, esistono anche tinte vegan, ma con un poco impegno e volontà si possono fare anche a casa.

Come creare delle vernici naturali, atossiche e completamente sostenibili.
Questo tipo di pittura non solo inquina di meno, ma sembra che sia altamente traspirante e abbia rese decisamente migliori delle vernici tradizionali.

Esistono diverse ricette che possiamo utilizzare per creare delle vernici naturali fai da te. Alcune sono a base di calce, altre a base di argilla, altre ancora sono fatte con sabbia, gesso o talco.

Vernici a base di calce



Le pitture a base di calce (DI BUONA QUALITÀ, esiste anche la calcecanapa come termointonaco!), in genere, sono impermeabili all’acqua e resistenti all’umidità. Hanno inoltre una durata notevole sui muri ed evitano la condensazione. Per realizzare la nostra vernice avremo bisogno di:

  •     calce
  •     latte scremato
  •     colla naturale, di pesce, di farina o di riso
  •     pigmenti naturali che possono essere ottenuti dai fiori o dalla terra
  •     acqua
  •     sale, se vogliamo ottenere un effetto deumidificante

Veniamo adesso al procedimento. È necessario innanzitutto diluire i pigmenti che abbiamo scelto con un po’ di acqua, per evitare che assumano una consistenza grumosa. Per regolarci con le quantità, possiamo dividere il secchio in questo modo: 8 parti di latte parzialmente scremato, 1 parte di calce, 2 parti di acqua, ¼ di parte di sale e 1 parte di pigmento. Nel secchio dove avrete precedentemente messo la calce, aggiungete il latte parzialmente scremato, poi la colla naturale, per rendere più semplice la sua stesura, e il resto degli ingredienti. Mescolate bene, fino a quando non avrete ottenuto un composto liscio e omogeneo e lasciate riposare. Qualcuno preferisce preparare la pittura una settimana prima del suo utilizzo, mescolando bene il composto ogni giorno.
Sul sito www.calcelatte.it  è possibile acquistare appositi kit completi degli attrezzi per realizzare il quantitativo di tinta a calce sufficiente a imbiancare 100mq di superficie (20 litri). Una volta stesa sulle pareti, la calce così ottenuta igienizza ed elimina le muffe, mentre l’effetto ‘iridescente’ dei cristalli di calcite esposti alla luce solare donano un colore brillante senza eguali.

Esistono anche tinte Vegan.

Vernice al latte

Con questa tecnica si possono dipingere e colorare oggetti in legno, terracotta, pareti di casa esterne e interne. Quello che si ottiene è un risultato particolare che alla vista sa un po’ di “invecchiato”.
  • 8 parti di latte scremato
  • 1 parte di calce. Evitare la calce viva
  • 2 parti di olio di lino
  • ¼ parte di sale
  • 1 pigmento
  • 1 limone

Il primo ingrediente indispensabile è il latte da cui si ricava il caglio, detto anche quark. Questo si ottiene mettendo un po’ di latte, almeno 75 ml, a riposare in un luogo caldo e riparato, unitamente al succo di un limone spremuto (si può fare anche con l'aceto su due tazze di latte un cucchiaio di aceto). Dopo dodici ore il latte produce, per processo naturale, il caglio, cioè quella sostanza più solida che si separa dalla parte liquida. Ad esso vanno aggiunti la stessa quantità di acqua calda (75 ml) poi la calce, l’olio di lino e il pigmento che si desidera utilizzare.
Ovviamente, bisognerà fare un po’ di pratica prima di pensare di tinteggiare una parete in questo modo: il mondo delle pitture naturali è complesso e non può prescindere da una fase di auto-apprendimento.

Quantità necessarie per dipingere circa 30 mq di superficie:

255 gr di caglio, 75 ml di acqua calda, 150 ml di gesso polverizzato, 75 ml di pigmenti colorati. Al posto di gesso e pigmenti possiamo aggiungere della vernice acrilica. Occorre procedere senza fretta, il gesso e i pigmenti vanno aggiunti poco a poco, mescolati molto bene per evitare i grumi e dopo un riposo di circa due ore si può iniziare il  lavoro di stesura del colore ottenuto.


Vernice a base di patate

La pittura di patate è molto economico e durevole. Può essere utilizzato per pareti, carta, legno, o altra superficie porosa. La sua ricetta è semplice.

Ingredienti:
- 150 grammi di patate
- Una tazza e mezzo di acqua bollente
- 150 grammi di polvere di gesso
- Un bicchiere di
fredda
- pigmenti atossici

Preparazione:
1. far bollire 150 grammi di patate, raschiare la pelle e fare una purea. Aggiungere una mezza tazza di acqua bollente, quindi mescolare bene.
2. A parte, mescolare 150 grammi di polvere di gesso con un bicchiere di acqua fredda. Quando si addensa, aggiungere vegetali o minerali pigmenti non tossici.
3. Infine, mescolare bene tutti gli ingredienti. È possibile aggiungere, per renderlo impermeabile, un cucchiaino di olio.

Vernici a base di argilla

Le vernici a base di argilla sono un po’ più complesse da realizzare, ma ugualmente valide nel loro compito. Qui gli ingredienti necessari sono:
  •     farina
  •     acqua
  •     argilla
  •     pigmenti
Le proporzioni sono: 1 tazza di farina, 5 tazze e mezzo di acqua fredda, 1 tazza di argilla e mezza tazza di pigmenti. La prima cosa da fare è creare l’amido: mettete a bollire 3 tazze e mezzo di acqua e aggiungete quindi la farina. Abbassate la fiamma e quando sarà arrivata a una temperatura abbastanza elevata (non all’ebollizione, attenzione), rimuovete dal fuoco. Girate con un mestolo fino a ottenere una consistenza pastosa alla quale andrete ad aggiungere molto lentamente 2 tazze di acqua fredda. Continuate a girare mentre aggiungete l’acqua. In un contenitore a parte mettete l’argilla e il pigmento. Successivamente, aggiungete il composto di amido poco alla volta, regolandovi in base alla consistenza che vi serve. Per lucidare la parete, una volta che la vernice è asciutta, passate una spugna bagnata.





Nessun commento :

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...