lunedì 17 ottobre 2016

SCIROPPO DI SAMBUCO DALLE BACCHE: RICETTA FACILE, IL TOCCASANA PER L'INFLUENZA E TANTO ALTRO




Lo sciroppo di sambuco è sicuramente un epitome fra i rimedi naturali, un must da avere sempre in casa, soprattutto d'inverno, grazie alle sue proprietà, ci viene in aiuto in caso d'influenza, raffreddore e tanto altro..
Infatti lo sciroppo di sambuco ha dimostrato di impedire 10 ceppi di influenza!
Questo tipo di sciroppo non contiene zuccheri raffinati o alcolici, quindi ideale anche per i bambini.

Come fare lo sciroppo di sambuco in casa

Quello che serve sono le bacche di sambuco nere ben mature (raccolta verso agosto-settembre a seconda delle regioni).


Ingredienti

100 gr di bacche secche di sambuco o 225 gr di bacche fresche
750 ml di acqua
150 ml di miele // o zucchero di canna :ogni 5 dl di succo, 130 grammi di zucchero.

Istruzioni

In una piccola casseruola, portare l'acqua a ebollizione.
Aggiungere le bacche di sambuco e portare lentamente ad ebollizione.
Fate bollire per 30-45 minuti o fino a ridurre il liquido della metà.
Lasciate raffreddare e poi versare in una ciotola pulita, filtrando il composto attraverso un setaccio o una garza a trama fine, spremendo al meglio le bacche.

La ricetta prevede l'utilizzo di zucchero e ricottura per 3 minuti.
In questo caso pesate il succo venuto e calcolate la quantità di zucchero di canna integrale da usare.
Si può sostituire però lo zucchero aggiungendo il miele e mescolando bene (non riportare a cottura, altrimenti le proprietà del miele si alterano facendolo diventare tossico).

Dosaggio:

1 cucchiaio / giorno per gli adulti. 1 cucchiaino / giorno per i bambini oltre 5 anni. Si può raddoppiare l'assunzione in stato influenzale.



* Conservare lo sciroppo di sambuco in frigorifero dove si conserva per 2-3 mesi.
* Non dare il miele ai bambini sotto ai 5 anni. Il sambuco ha proprietà lassative quindi assumere con moderazione alle dosi consigliate dall'erborista senza superarle. In qualsiasi caso, prima di assumere per fini terapeutici un qualsiasi tipo di preparazione contenente sambuco, è bene rivolgersi preventivamente al proprio medico.

Evitare in stato di gravidanza o allattamento
Tutte le preparazioni di Sambuco comunque, vanno utilizzate cominciando da dosi molto basse e non superando mai quelle indicate.


Proprietà dello sciroppo di sambuco

Lo sciroppo date le molteplici proprietà della pianta trova svariate applicazioni e utilizzi. Lo sciroppo ha molti principi attivi, è ricco di oligoelementi, flavonoidi, oli essenziali e acidi.

Ha proprietà sudorifere, aumenta cioè la secrezione di sudore e può essere usato in caso di febbre e raffreddore. Aiuta ad alleviare le nevralgie e i problemi provocati dalla sinusite.

Antibiotici addio grazie al sambuco?

Forse non sarà proprio così ma alcuni microrganismi patogeni potrebbero essere combattuti efficacemente con il sambuco e, in particolare, attraverso l'estratto proveniente dalle sue bacche. Ad affermarlo sono i ricercatori della Justus Liebig University di Giessen (Germania) in uno studio pubblicato dalla rivista BMC Complementary and Alternative Medicine.

Ha proprietà lassative contro la stitichezza ed è un ottimo coadiuvante per la dieta.

Tra le proprietà che fanno di questo sciroppo un potente alleato del benessere e della salute ci sono la funzione depurativa e drenante. Data la presenza all’interno del succo anche di flavonoidi, lo sciroppo di sambuco svolge un’azione mirata sul sistema circolatorio e linfatico, favorendone l’attivazione, in particolare aiuta le gambe che soffrono di vene varicose e pesantezza cronica.
Lo sciroppo di sambuco si caratterizza per avere al suo interno una notevole presenza di fibre, che sono estremamente utili per svolgere un'azione dimagrante. Viene usato come coadiuvante nei casi di stitichezza e come regolatore dell’apparato intestinale. Aiuta a smaltire le scorie in eccesso all’interno dell’organismo migliorando anche il metabolismo dei grassi.

Questo sciroppo ha un sapore gradevole ed è ricco di attivi e vitamine, è perfetto durante le diete dimagranti e ipocaloriche come bevanda per spezzare la fame, basta diluirne un cucchiaio in un succo o in un bicchiere di acqua fresca. Aiuta soprattutto a contrastare la fame nervosa.
I risultati migliori si ottengono quando lo sciroppo è assunto a stomaco vuoto diluito in acqua o mischiato con latte e yogurt, meglio se lontano dai pasti.

Questo sciroppo è utilizzato anche come bevanda rinfrescante (diluito in acqua) contro la calura estiva, va tenuto in un luogo fresco e asciutto, dopo l’apertura andrebbe conservato in frigorifero o in una cantina.

Altri utilizzi riguardano la cura dell’artrite e dei reumatismi, migliorando anche lo stato di salute delle ossa e delle articolazioni. Lo sciroppo ha anche proprietà emollienti e lenitive, può essere usato per contrastare stati di infiammazione localizzata, in particolare quando la pelle è irritata. Quando le infiammazioni sono maggiori e più serie, è consigliato l’utilizzo della polvere estratta dalla corteccia di sambuco.

Nel campo dell’estetica lo sciroppo di sambuco è usato per la preparazione di creme schiarenti e tonici per la pelle.
Attenzione: la varietà commestibile non deve essere confusa con il Sambucus ebulus, quest’ultimo alto fino a 1,5 metri e velenoso per l’uomo. Per questo motivo, è sconsigliato ricorrere al fai da te nella raccolta, soprattutto qualora non si avesse dimestichezza con la botanica: ci si affidi all’erborista di propria fiducia.


Le informazioni contenute in questo blog non devono in alcun modo sostituire il rapporto dottore-paziente; si raccomanda al contrario di chiedere il parere del proprio medico prima di mettere in pratica qualsiasi consiglio o indicazione riportata

Nessun commento :

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...